HOME PROFILO SERVIZI & PRESTAZIONI CONTATTI
 

Specializzazioni OTCT - Chirurgia della spalla e arto superiore
Lesioni Capsulari

 

INSTABILITA’ GLENO-OMERALE


STABILIZZATORI ATTIVI

  • CUFFIA DEI ROTATORI
  • CLB
  • DELTOIDE
  • STABILIZZATORI SCAPOLARI

STABILIZZATORI PASSIVI

  • CAPSULA E LEGAMENTI GLENO-OMERALI
  • CERCINE GLENOIDEO
  • FORZE DI ADESIONE – COESIONE
  • VENTOSA GLENO – OMERALE
  • VOLUME ARTICOLARE RIDOTTO


CAPSULA E LEGAMENTI

Non sono gli stabilizzatori principali perché fungono più da elementi di “stop” che da veri e propri controllori del ROM.
Ma sono importanti perché contengono i recettori propriocettivi che contribuiscono attivamente alla stabilità della spalla.

CERCINE GLENOIDEO

Serve ad aumentare la superficie di contenzione della glenoide e a permettere l’inserzione dei legamenti.
In tal modo aumenta l’arco glenoideo che effetivamente accoglie la testa omerale :
Con la sua rottura viene a ridursi l’arco glenoideo e quindi anche l’angolo di stabilità e pertanto è facile la dislocazione.

Ciò è reso ancora più grave da una frattura (bony – bankart) che, se di importanti dimensioni, può portare ad una “pera invertita”

CLASSIFICAZIONE LUSSAZIONI

ARTROSCOPIA


TRATTAMENTO A CIELO APERTO - LATARJET



ARTROSCOPIA o CIELO APERTO?

1) Gravità lesioni capsulari e cercine
2) Lesioni ossee presenti sia sulla glenoide sia sull’omero (hill-sachs)

Ps. Spesso entrambe sono in funzione del numero degli episodi di lussazione

COSA FARE DOPO LA PRIMA LUSSAZIONE?

Dipende dalle esigenze funzionali e dalle lesioni anatomiche già presenti


Es. Sportivo professionista ad alto livello o lavoratore pesante con rischio di traumi frequenti:
trattamento chirurgico anche dopo 1 solo episodio

  • TRATTAMENTO POST-OPERATORIO




  • CASISTICA 2009


    24 PAZIENTI
    16 MASCHI
    8 FEMMINE

    21 ARTROSCOPIE
    3 CIELO APERTO




     
     
    Orthopedic Traumal Center Tuscany - P.IVA 00319680518
    Copyright © 2010 - Euroinformatica srl